mercoledì 14 ottobre 2015

Melfi. La dignità non ha sesso. Solidarietà alle operaie - Lettera dei lavoratori alle colleghe di FCA

Alle colleghe della FCA di Melfi
Alla direzione aziendale
Agli organi di informazione
I lavoratori della FCA di Melfi sostengono con determinazione la battaglia intrapresa dalle colleghe
in merito alla sostituzione del pantalone della tuta. Lavoratirici, compagne, amiche che conosciamo da più di vent’anni, con le quali abbiamo condiviso momenti difficili di duro lavoro, svolto sempre con estrema dignità, quella dignità che oggi viene messa in discussione da una culotte.. restiamo allibiti nel sapere che FCA , che annovera tra i propri dirigenti intelligenze di alto livello, possa aver pensato di sopperire alla sotituzione della tuta , dando in dotazione alle lavoratrici una mutanda di plastica una soluzione umiliante che lede l’immagine della donna , ma non solo di essa, questa scelta umilia la natura intelligente di cui l’essere umano è dotato. Le colleghe sappiano che un loro problema è un nostro problema… Qualsiasi iniziativa vorranno intraprendere per affrontare e risolvere la questione, noi saremo al loro fianco. All’azienda consigliamo di fare un passo indietro, di ascoltare le esigenze delle lavoratrici, di rinunciare all’idea delle culottes. Non offendiamo oltre le donne e l’intelligenza di tutti noi ostinandoci nella ricerca di opzioni complicate e imbarazzanti, sostituire il pantalone chiaro con uno di colore scuro è la legittima richiesta avanzata dalle lavoratrici, ed è l’unica alternativa possibile.
I lavoratori della FCA di Melfi Mercoledì 14 Ottobre 2015

Nessun commento: