domenica 10 gennaio 2016

Fiom, se dissenti e scioperi Landini ti espelle

La minoranza interna denuncia: «Atto autoritario e dispotico di Landini. La Fiom chiede l’espulsione di diversi delegati Fca». Nel mirino un delegato di Melfi


di Giulio AF Buratti


Landini e la segreteria Fiom hanno chiesto al comitato centrale dei metalmeccanici della Cgil di non eleggere, su 17 proposte di sostituzione di membri del comitato centrale, un delegato RSA della Fca di Melfi in quanto oggetto di un ricorso alla commissione di garanzia interna da parte di due burocrati Fiom della Basilicata, Molise e nazionale. «Così facendo si è proposto di violare clamorosamente le regole dello statuto che garantiscono pienezza di diritti sino alla condanna in via definitiva nel secondo grado di giudizio – spiegano i componenti del CC dell’opposizione interna, “Il sindacato è un’altra cosa” – quanto accaduto al comitato centrale della fiom di venerdì 8 gennaio «è di una gravità senza precedenti nella storia dei metalmeccanici e dell’intera Cgil».
La colpa del delegato Domenico Destradis che oltretutto era all’oscuro di questo ricorso, come quasi tutto il CC, sarebbe quella di aver organizzato nei mesi scorsi un comitato intersindacale di lavoratori e delegati Fca (ex Fiat) del centro-sud contro il modello Marchionne. «Ma la sua vera colpa è aver continuato a scioperare in fabbrica contro lavoro straordinario e ritmi assurdi e di non essersi piegato alla linea della maggioranza della Fiom – sottolineano Sergio Bellavita, coordinatore dell’area sindacale, Eliana Como, Paolo Brini, Sasha Colautti, Giuseppe Corrado, Christian De Nicola, Francesco Doro, Pasquale Loiacono, Giuliana Righi, Antonio Santorelli e Antonella Stasi -Landini e la segreteria nazionale hanno compiuto quindi un atto autoritario e dispotico estraneo ai valori dell’organizzazione e avverso alla cultura della partecipazione, del protagonismo, della solidarietà, dei diritti che la sinistra politica e sociale declamano. Chiediamo pertanto l’immediata cancellazione della delibera che ha escluso Destradis, la convocazione di un nuovo comitato centrale per eleggerlo in ottemperanza a quanto sancito dalla statuto della Cgil sui diritti della minoranza. Facciamo appello a tutte le delegate e i delegati elette/i nei luoghi di lavoro. Denunciamo e combattiamo insieme la deriva autoritaria in cui sta precipitando il sindacato. Si vuole cancellare ogni voce critica, ogni opposizione interna di chi chiede di rimettere al centro i bisogni di chi lavora, la ripresa del conflitto».
La torsione autoritaria è l’altra faccia della sconfitta del sindacato nella battaglia mai combattuta in difesa delle pensioni, del salario, dell’art.18 e della libertà di contrattazione.
La vicenda segue i fatti di novembre quando, da Termoli, un gruppo di delegati Fiom denunciò che, a chi fa sindacato in fabbrica «manca sempre più il sostegno della Fiom, troppo spesso impegnata a tentare di ricucire rapporti con la direzione Fca piuttosto che lavorare a riaprire una vertenza generale sulle condizioni di lavoro e contro il ccsl. La Fiom così facendo si muove in modo a dir poco suicida, esponendo i propri delegati e iscritti a rischi enormi». A Termoli, mentre la Rsa Fiom,  la maggioranza dei delegati e delle delegate Fiom di stabilimento, proclamavano lo sciopero sugli straordinari comandati, il Segretario Tarantino affiggeva nelle bacheche sindacali aziendali un comunicato in cui si dissociava dall’iniziativa. I delegati non avrebbero considerato la volontà dei lavoratori interessati allo straordinario. «A nome di chi scrive la Fiom Molise se la maggioranza della sua rappresentanza di fabbrica sostiene uno sciopero?», si chidevano i delegati ribelli. «Crediamo che a Termoli come in ogni stabilimento siano i delegati, gli iscritti, i lavoratori a vivere in prima persona la condizione lavorativa e che spetti a loro decidere non a chi non vive la fabbrica».

Nessun commento: