sabato 17 febbraio 2018

Riceviamo dai compagni della RSU Pirelli di Settimo Torinese e volentieri pubblichiamo

O.D.G:

L'efferato delitto di Macerata, la tentata strage xenofoba del 3 febbraio e tutti gli eventi che si sono susseguiti, a nostro parere anche attraverso un'informazione mirata, sono stati fatti oggetto di un uso politico strumentale e distorto.

Attuali fenomeni quali l'alto tasso di disoccupazione e il conseguente impoverimento dei corpi intermedi della società, le dinamiche che determinano i flussi migratori e la solitudine nel quale si trova il Paese sulla gestione degli stessi, aumentano esponenzialmente le paure e la percezione di insicurezza della popolazione.

L'inappropriata e incauta miscela di questi elementi, alterata e manipolata dagli sciacallaggi politici ad uso elettorale, sta ottenendo il pericoloso effetto di riesumare latenti istinti razziali e spinti nazionalismi forse eccessivamente sottovalutati.

La RSU Pirelli in qualità di soggetto con una qualche responsabilità sociale seppure perimetrata, ritiene opportuno condividere una forte preoccupazione per le derive alle quali stiamo assistendo, nonchè non esimersi dall'esprimere il proprio pensiero:

confida in una rapida ed efficace conclusione dell'indagine della magistratura sulle dinamiche del delitto affinché venga fatta giustizia e auspica un rapido e giusto epilogo del processo sulla tentata strage,

INVITA

le Lavoratrici ed i Lavoratori tutti ad una attenta selezione dei messaggi che vengono passati, filtrando i populismi plasmati appositamente per cavalcare paure e rabbia in risposta agli istinti più primordiali, non a caso, in una fase pre-elettorale che come ci siamo inspiegabilmente abituati a metabolizzare, è sempre più caratterizzata da promesse difficilmente realizzabili e false soluzioni lampo.

RITIENE INOLTRE NECESSARIO cogliere ogni occasione per ragionare e confrontarsi sui razionali concreti dei fenomeni che stiamo vivendo, ma soprattutto nel fare ciò, a partire SEMPRE dai presupposti di ripudio della violenza, della giustizia sommaria dei razzismi e dei fascismi.

Nessun commento: