mercoledì 29 luglio 2015

Il fascismo padronale alla FCA Sata Melfi è innanzitutto contro le operaie

Melfi, l’operaia in maternità trasferita a mille chilometri

Da Trevico a Torino. Si chiamava così il film di Ettore Scola e Diego Novelli che negli anni 70 voleva raccontare la vita difficile degli operai emigrati dal Sud e venuti a lavorare a Torino. La parodia di quel film, oggi, potrebbe essere da Melfi a Chivasso. Mille chilometri di distanza non per emigrare in cerca di lavoro ma costretta al trasferimento per ragioni che la Fiom-Cgil e i legali considerano una vera discriminazione.
Quei mille chilometri rappresentano la distanza che l’operaia Giorgia Calamita, di 43 anni, dovrà attraversare, secondo la sua azienda, la Fenice Spa, per prendere servizio nella sua nuova postazione. Un trasferimento improvviso, deciso lo scorso aprile nel pieno di un contenzioso tra Calamita, da poco madre di due bambini, e la società. Che si chiama Fenice ed è del gruppo francese Edf, ma che lavora stabilmente nel gruppo ex Fiat, oggi Fca, nel caso in questione nello stabilimento Sata di Melfi.
Proprio alla Sata, Giorgia Calamita è stata assunta nel 1992 con un contratto di formazione e lavoro che però si trasformerà in un contratto di “impiegata tecnologa (V° livello metalmeccanico) quando passa, senza soluzione di continuità, al gruppo Fenice. Una classica operazione di terziarizzazione delle mansioni, pratica comune nelle aziende italiane e in particolare alla Fiat.
Tutto va bene fino a quando l’operaia non ha i suoi due figli. Prende il congedo obbligatorio ma poi, dal 2009, anno del suo ritorno in produzione, continua a prendere congedi maternità fino a chiedere il part-time che le viene concesso. A questo punto la sua mansione viene dequalificata. Da “tec no lo-ga” viene destinata a mansioni di archiviazione e registrazione del lavoro altrui. Di fronte alle sue proteste e a quelle del sindacato Fiom che la rappresenta – Calamita è molto attiva in fabbrica -l’azienda, secondo i legali della lavoratrice, adotta “un atteggiamento, inutilmente e gratuitamente aggressivo”. Si verificano diversi scontri con affermazioni dispregiative fatte in presenza di altri operai: “Non prendo neppure in considerazione la questione delle sue mansioni visto che Lei è sempre in maternità!”, si sente dire Calamita dal responsabile dell’Unità operativa. Al sindacato che chiede incontri per discutere del problema la risposta è sempre la stessa: la lavoratrice è sempre in maternità quindi è assenteista. Le denunce continue, i 14 volantini affissi in bacheca dalla Fiom, sembrano non servire. Fino a quando il sindacato decide di diffidare l’azienda e la stessa Calamita si rivolge alla Consigliera di Parità della Provincia di Potenza che fissava un incontro per il 24 aprile 2015 disertato dall’azienda. Allo stesso tempo partiva la lettera di trasferimento presso la sede di Chivasso ad oltre 1.000 chilometri con effetto dal 4 maggio 2015.
A quel punto non è restato altro che rivolgersi al Tribunale e rendere pubblica la vicenda sulla quale è stata presentata un’interrogazione parlamentare.
        www.coordinamentonoausterity.org

Nessun commento: