venerdì 18 settembre 2015

Ikea, tagli agli stipendi. Flaica Roma: venerdì sciopero

Presidio davanti l'ambasciata svedese, in piazza Rio de Janeiro. Situazioni simili per i punti vendita di Porta di Roma e Anagnina. "La democrazia è imbavagliata"


Va avanti la lotta dei lavoratori Ikea. Venerdì la Flaica Roma ha indetto uno sciopero ed effettuerà un presidio, dalle 9 alle 14, davanti l’ambasciata svedese (piazza Rio de
Janeiro). “La decisione è stata presa alla luce delle deludenti trattative sindacali al ribasso portate avanti da Cgil, Cisl e Uil dello scorso 14 settembre. Si tratta – ha spiegato Giancarlo Desiderati, segretario provinciale della Flaica Roma – di tagli importanti della retribuzione dei lavoratori che causerà la perdita di quasi 200 euro netti in busta paga. E stiamo parlando di stipendi già al limite del vivere dignitoso”.
Situazioni. La situazione è praticamente la medesima nei due punti vendita della Capitale, Porta di Roma e Anagnina: mille dipendenti, tra addetti vendita, al ristorante interno al negozio e impiegati del settore logistica, che lavorano quasi 24 ore al giorno. “I lavoratori Flaica avranno un altro motivo per scioperare e manifestare – ha aggiunto Desiderati – all’interno dei negozi Ikea la democrazia è imbavagliata. Cgil, Cisl e Uil hanno deciso che non siano più i lavoratori a eleggere le loro rsu (rappresentanze sindacali); ma queste vengono nominate dall’alto, dai vertici del sindacato – aggiunge Desiderati – i nostri iscritti sono stanchi di non avere voce in capitolo in azienda pure essendo molto rappresentanti”.
Articolo dal sito :www.romapost.it

Nessun commento: