sabato 17 novembre 2018

Documento di sintesi del I incontro internazionale del sindacalismo combattivo del settore aereo

Il 15 e 16 ottobre 2018 si è svolto a Madrid il I incontro del sindacalismo combattivo del settore aereo aderente alla rete sindacale internazionale di solidarietà e lotta, in cui si sono incontrati, ufficialmente, per la prima volta delle lavoratrici e dei lavoratori di compagnie e società aeroportuali di nazioni ed organizzazioni differenti per tentare di far “decollare” un coordinamento internazionale del settore.
Dal proficuo ed interessante confronto, al quale hanno partecipato colleghe e colleghi spagnoli, italiani, portoghesi e francesi è emerso che le varie problematiche espresse da ogni realtà, parlano tutte la stessa lingua che è quella dello sfruttamento del capitalismo che ha trovato terra fertile grazie alle politiche dei vari governi e  alla complicità dei sindacali padronali. Il settore aereo in tutto il mondo, ma nello specifico in Europa, è tra i più colpiti dalla liberalizzazione del mercato con il conseguente proliferarsi delle compagnie Low Cost e privatizzazioni delle compagnie di bandiera e delle gestioni aeroportuali. Un settore aereo che da anni è in continua crescita sia per il numero di passeggeri che di merci trasportati, ma che centralizza i ricavi milionari nelle mani di pochi speculatori privati, lasciando miserie e precarità alle lavoratori e ai lavoratori e sempre meno sicurezza e servizi per i passeggeri.
Tutto ciò non è avvenuto per caso ma è il risultato di un vero e proprio progetto. Nel 2000 l’allora commissario dei trasporti europeo Layola De Palacio, dichiarò che in Europa sarebbero rimaste solo 3 grandi compagnie aeree di riferimento per quanto riguarda il trasporto aereo globale (lungo raggio), e sarebbero state le compagnie di bandiera (privatizzate) degli stati più industrializzati della EU: British Airways (GB), AirFrance (F), Lufthansa (D) e tutte le altre avrebbero avuto un ruolo marginale, regionale e di feederaggio. Queste 3 compagnie, ad oggi, fanno parte di altrettante 3 grandi alleanze globali dei cieli (One World, SkyTeam, Star Alliance) ed insieme ad altri colossi del trasporto aereo mondiale, tra cui le grandi compagnie americane, asiatiche e arabe controllano, attraverso accordi e partnership, gran parte del trasporto aereo globale e i corrispettivi ricavi lasciando ben poco alle lavoratrici e ai lavoratori.
A partire da questa analisi generale, si è deciso di sintetizzare delle argomentazioni comuni, riscontrate nelle varie lotte che ci vedeva protagonisti, costruendo una prima piattaforma unitaria di rivendicazioni :
  • Controllo pubblico del settore aereo attraverso la nazionalizzazione delle compagnie di bandiera e delle gestione aeroportuali, essendo entrambe un patrimonio pubblico, un bene comune, con un conseguente piano di internalizzazione di tutte le attività (handling, manutenzione, informatica, sicurezza ecc.) ponendo fine alle sub-contrattazioni/terziarizzazioni. Un controllo pubblico che livelli i costi dei servizi a terra attraverso una tariffa unica, uguale e senza distinzione tra le compagnie (Low Cost) e che equipari e controlli le tasse aeroportuali a partire dalle capitali degli stati della EU;
  • Lotta alla precarietà in un settore in cui l’impiego costante, per tutto l’anno, di contratti a termine e part-time, non è in alcun modo giustificato ma viene solamente utilizzato per tenere sotto ricatto salariale ed occupazionale le lavoratrici e lavoratori, i quali oltre ad essere condannati ad una vita senza prospettive, vedranno sempre più lontana  e povera la propria pensione. Rivendichiamo la stabilizzazione dei contratti;
  • Rispetto della conciliazione lavoro - tempo libero in un settore in cui l’orario di lavoro si basa  costantemente sulla flessibilità senza mai tener conto delle esigenze delle lavoratrici e lavoratori con turni che si intercambiano ad ogni ora del giorno e della notte e con il costante  obbligo di lavorare la domenica, incidendo sulla qualità della vita personale e famigliare e sulla salute. A farne le spese, all’interno di una società patriarcale, ne sono ancora di più le donne. Rivendichiamo una riduzione generale dell’orario di lavoro al di sotto delle 35 ore settimanali, anche per far fronte alla robotizzazione ed automatizzazione, con turni di lavoro full-time (part-time solo volontario) basati solo su 3 turni giornalieri, e richiediamo inoltre una normativa che regoli l’assistenza e relativi sussidi sociali, paritari uomo-donna, per la gestione delle problematiche familiari senza alcuna perdita di salario;
  • Equiparazione dei salari, delle condizioni di lavoro (normativa) e dei diritti tra tutte le figure professionali del settore aereo fino al raggiungimento di un unico contratto (convenio) collettivo di lavoro di settore internazionale, chiaramente a partire dalle migliori condizioni in essere. Da anni, ormai, con la liberalizzazione del mercato e l’avvento delle compagnie Low Cost, la concorrenza tra le varie compagnie e aziende del settore si basa sempre di più sulle differenze salariali  e normative (costo del lavoro) e non sulla qualità del servizio e sicurezza offerto ai passeggeri, generando in questo modo un inarrestabile “dumping sociale”, addirittura nelle stesse compagnie/aziende con filiali Low Cost, con una sistematica rincorsa al ribasso dei salari. In questo contesto rivendichiamo, inoltre, il rispetto e il riconoscimento universale della rappresentanza sindacale e del diritto di dissenso e sciopero;
  • Riconoscimento, per le figure professionali del settore aereo-aeroportuale, di svolgere un lavoro usurante, colpevole di generare specifiche malattie professionali di cui rivendichiamo, conseguentemente, il riconoscimento economico e normativo. La quasi totalità delle figure professionali del settore sono soggette ad un continuo sollecitamento fisico, ad inquinamento da scarichi, polveri sottili ed acustico nonché a continue radiazioni che mettono quotidianamente al repentaglio la salute e la sicurezza. Inoltre come denunciato nei punti precedenti, la flessibilità oraria e i turni di lavoro generano un continuo stress dovuto dall'instabilità della conciliazione lavoro - tempo libero e quindi anche alla qualità del riposo e dell’alimentazione. Evidenziamo che più le lavoratrici e i lavoratori operano in ambienti salubri e sicuri, più aumentano di conseguenza gli standard di sicurezza per i passeggeri. In questo contesto rivendichiamo l’età pensionabile (Pensione) a 55 anni e, facendo riferimento al punto sulla precarietà, evidenziamo di nuovo l’importanza della stabilizzazione dei contratti;
  • Ripudio ad ogni tipo di oppressione: il settore aereo non è immune dalle discriminazioni di genere, di diversità sessuale di razza e religione e, come in tutti gli altri ambiti lavorativi, il razzismo e il maschilismo sono un’arma per mettere uno contro le lavoratrici e lavoratori con lo scopo di dividerli nelle lotte e nelle rivendicazioni. Denunciamo il fatto che proprio le donne e gli immigrati sono tra i più sfruttati e oppressi: negli aeroporti i lavori più umili e sottopagati vengono fatti svolgere proprio ad immigrati e neri soprattutto perchè, essendo messi ai margini della società, sono costretti ad accettare qualsiasi contratto pure di aver un minimo di salario per sopravvivere. Alle donne, in particolare, vengono affidati i servizi al pubblico, diventando il bersaglio di insulti ed aggressioni.
  • La femminilizzazione del lavoro nel settore dell'aviazione e l'aumento dell'insicurezza lavorativa femminile.
    Si tratta di una realtà che il sistema capitalistico patriarcale utilizza nella divisione sessuale del lavoro, a cui consegue uno squilibrio, nonostante l'aumento delle salariate, abbiamo un numero maggiore di posti di lavoro a bassa retribuzione e un alto tasso di condizioni precarie.
    In Europa, il lavoro delle donne nel settore dei servizi è del 70%, le donne hanno condizioni di lavoro molto povere, i contratti a tempo parziale sono una realtà costante per tutta la loro vita.
    Sotto una prospettiva di genere anticapitalista e di classe, le strategie di lotta rivoluzionarie che le organizzazioni sindacali devono adottare, sono la creazione di una base consolidata di rivendicazioni in termini di uguaglianza.
I sindacati devono lottare per sradicare i pregiudizi patriarcali e sessisti incoraggiando la partecipazione del settore femminile, della classe operaia, ma non solo come una rivendicazione elettorale sindacale, ma come un obbligo per porre fine alle disuguaglianze di genere, al fine di raggiungere una base sociale senza sfruttatori e sfruttati.
Questo è il motivo per cui le organizzazioni sindacati devono fare  pressione sulle aziende affinchè i piani di uguaglianza siano implementati, tenendo un carattere reale nelle politiche di parità in modo che siano eseguiti senza che rimanga un semplice documento in cui  l’azienda esprime i suoi migliori auguri alle lavoratrici senza poi mai eseguirli.
Il lavoro sindacale sulla di parità di genere deve essere quotidiano e  reale e quindi dobbiamo alzare la nostra voce di fronte le autorità pubbiche affinchè adottino misure per eliminare le disuguaglianze a partire dai contratti precari e parziali delle donne, le lavoratori devono poter tenere una indipendenza economica senza dover sottostare ad uno Stato protettivo e patriarcale che le degrada come persone.
Per una vera uguaglianza già nel mondo del lavoro.

RIPRENDIAMO IL VOLO! RSISL
CGT IBERIA (Spagna)
CUB TRASPORTI /  AIRCREW COMMITTEE (Italia)
SUD ARIÉN (Francia)
SOS HANDLING (Portogallo)


Nessun commento: