martedì 27 novembre 2018

Riceviamo dai compagni della Cub di Alessandria e volentieri pubblichiamo per diffusione

COMUNICATO STAMPA


In data 22 novembre 2018 abbiamo finalmente ricevuto la risposta, che troverete di seguito, alla nostra Pec del 15 novembre 2018 (con la richiesta d’incontro urgente) da parte di Cesare Balduzzi  della Azienda Balduzzi P e S ss soc agricola.
Nella stessa il Sig, Cesare Balduzzi afferma che la CUB solleva in maniera strumentale la questione rispetto alle posizioni di 5 ex lavoratori (tutti e 5 iscritti alla CUB) della sua Società. L’Azienda Balduzzi, per bocca del suo titolare, davanti a tutti i lavoratori e al Sig. Antonio Olivieri del Presidio Permanente di Castelnuovo Scrivia, si era dichiarato d’accordo a ciò che il Sindacato aveva proposto e cioè, qualora ci fosse stato un calo lavorativo, di ridistribuire il lavoro fra tutti i lavoratori presenti. A tal proposito non si capisce per quale ragione nella risposta il Sig. Cesare Balduzzi ha affermato che i 5 lavoratori da noi tutelati si occupavano della raccolta di prodotti stagionali ora non più in raccolta stante l’approssimarsi della stagione invernale: e la suddetta ridistribuzione del lavoro tra tutti i lavoratori che fine ha fatto? Si è rimangiato le parole?
Proseguendo nella risposta il Sig. Balduzzi fa riferimento alle assunzioni,  alle remunerazioni per le ore di servizio ed agli oneri contributivi tutti e tre perfettamente regolari, così, prosegue, come lo sono tutti i dipendenti della Società Agricola Balduzzi; peccato che un po’ di tempo fa, questa stessa Azienda era salita agli onori delle cronache a seguito di un intervento della Guardia di Finanza e dell’Ispettorato del Lavoro per la presenza di lavoratori “in nero”: giornate di lavoro non regolarizzate, ore non corrisposte, con addirittura la presenza in Azienda di una lavoratrice in maternità.
Il Sig. Balduzzi, nella sua risposta, parla di iniziative organizzate dalla CUB del tutto “ingiustificate” non specificando di quali iniziative si tratti; in più parla dei nostri “attacchi diffamatori” intervenuti sui quotidiani locali e nazionali e sulla piattaforma social Facebook con post che parificano la sua Azienda a realtà schiaviste: ma il vero attacco diffamatore è stato promosso dal Sig. Balduzzi perché ha colpito la libera espressione di pensiero nella denuncia della CUB, il cui modus operandi è la conflittualità, parificando tale libera espressione alla stregua di un reato da perseguire penalmente.
All’affermazione del Sig. Cesare Balduzzi che la CUB fa facili slogan e propaganda spicciola sull’ effettiva violazione dei diritti dei lavoratori, minacciandoci quindi di un’immediata azione penale per la grave diffamazione a cui l’Azienda è stata sottoposta, certamente da parte della CUB vi saranno le dovute contro misure tanto dal punto di vista sindacale e legale quanto dal punto di vista dell’utilizzo di tutti i mezzi di comunicazione di massa ai quali potremo accedere.
Resta comunque il fatto che la vertenza sindacale rimane, ed è piuttosto seria quantomeno per due motivi:
  • negli anni scorsi i lavoratori hanno sempre lavorato anche nel periodo invernale e non si è mai fatto riferimento all’interruzione della raccolta;
  • in ogni caso, rimane in piedi il diritto dei lavoratori alla stabilizzazione.

Da parte nostra, saremo presenti, come sempre, a fianco di chi lavora e di chi lotta per i propri diritti.


Alessandria, 26 novembre 2018.             
Per la CUB di Alessandria e Provincia    Presidio Permanente di Castelnuovo Scrivia
Miguel Arismendi

Coordinatore provinciale

Nessun commento: